Come deve essere un massetto?

Per essere idoneo alla posa di un pavimento, il massetto si deve presentare:

planare , liscio , pulito, privo di fessurazioni, compatto, stagionato e stabile, asciutto e resistente meccanicamente.

Planare: la verifica della planarità viene effettuata con una staggia di 2mt di lunghezza poggiandola in tutte le direzioni. La tolleranza ammessa è di 2mm.² superficiale e il livello di rugosità della superfice dipende dal tipo di pavimento che si deve posare. Una superfice rugosa a poro aperto favorisce l’asciugatura e migliora l’adesione dei rasanti e dei collanti. Se per contro si vuol posare un pavimento resiliente, è preferibile applicare sulla superfice del massetto prodotti rasanti studiati appositamente.

Pulito : la superfice del massetto deve essere perfettamente pulita. Polvere, sporco e detriti devono essere rimossi in quanto possono compromettere l’adesione della pavimentazione al massetto.

Privo di fessurazioni: la presenza di fessure da ritiro igrometrico è causata da uno o più dei seguenti fattori: eccesso di acqua nell’impasto, aggregato troppo fine, eccessivo quantitativo di cemento. Prima di procedere alla posa , devono essere sigillate monoliticamente con colaggio di resine epossidiche.

Compatto: il massetto deve presentarsi compatto ed omogeneo in superfice ed in tutto lo spessore. La presenza di strati o zone a consistenza inferiore, più friabili, è sintomo di caratteristiche scadenti che potrebbero causare rotture o distacchi della pavimentazione.

Stagionato e dimensionalmente stabile: il periodo di stagionatura/maturazione è uno dei requisiti più importanti per un massetto cementizio. Infatti, la posa della piastrelle in ceramica  e materiale lapideo deve essere eseguita su massetti stagionati e che abbiano esplicato la maggior parte del ritiro igrometrico evitando le eventuali fessurazione successivamente alla posa, capaci di procurare la rottura e il distacco del rivestimento. Il tempo di stagionatura di un massetto tradizionale è di circa 7/10gg per cm di spessore. Tale tempo si riduce notevolmente usando leganti speciali.

Asciutto: l’umidità residua deve essere conforme ai valori previsti per la posa dei pavimenti sensibili all’umidità e uniforme in tutto lo spessore del massetto. Per i massetti in base cementizia si considerano accettabili valori di umidità inferiori al 2% nel caso si debba posare legno, del 2.5/3% nel caso si debba posare gomma, linoleum e Pvc.

Resistente meccanicamente: la resistenza meccanica, così come lo spessore, deve essere adeguata alla destinazione d’uso ed al tipo di pavimento da posare. In linea generale la resistenza a compressione di  un massetto per ambienti civili, idonea per qualsiasi rivestimento, non deve essere inferiore a 20 N/mm², mentre per ambienti industriali non deve essere inferiore a 30 N/mm².

COPYRIGHT © STERCHELEGROUP® - Web Agency > Marketing Km Zero